Categoria: Purim

La vicenda di Purim, accaduta circa 2500 anni fa, ci viene raccontata nel libro di Ester.
Questo testo ci tramanda appunto la storia di Ester, una donna ebrea molto virtuosa che andò sposa ad Assuero, re di Persia, e quella di Mordechai, zio di Ester, un ebreo pio e virtuoso.
Alla corte di Assuero viveva Aman, il primo ministro del re, un uomo arrogante che pretendeva che tutto il popolo si inchinasse davanti a lui; quando l’ebreo Mordechai si rifiutò di inchinarsi al suo cospetto, Aman decise di vendicarsi su tutto il popolo ebraico, e chiese al re di decretare che tutti gli ebrei del suo grande regno fossero uccisi.
Anche in questa occasione, fortunatamente, il popolo ebraico riuscì a sopravvivere alla persecuzione, grazie all’intervento della regina Ester, che convinse il re Assuero a fermare il piano malvagio di Aman e a condannare il perfido ministro per la sua crudeltà.
A Purim ci rallegriamo dunque per lo scampato pericolo ed esprimiamo la nostra fiducia nel Signore.
In occasione di questa festa si usa donare agli amici un pacchetto di dolci, chiamato mishloach manot: si fa questo dono per assicurarsi che coloro che amiamo abbiano abbastanza cibo per festeggiare e per condividere la gioia con le persone che ci sono vicine.