Cjalsòns di Gianni Cosetti

Come sapete, quando c’è da cucinare (o assaggiare!) nuove ricette i Labna non si tirano mai indietro.
Qualche tempo fa l’amica Rossella del blog Ma che ti sei mangiato? ci ha proposto di partecipare a una sua curiosa iniziativa chiamata Cjalsòns 2010 e noi, pur essendo totalmente ignoranti persino del significato del titolo, ci siamo buttati a capofitto nell’impresa.

I Cjalsòns – spiega Rossella – sono uno dei piatti tipici della regione Friuli Venezia Giulia che si trova nel nord-est dell’Italia.
Si tratta di una sorta di ravioli o agnolotti, adattati a gusti locali e ricchi di ingredienti particolari e non usuali per i classici ravioli.


L’idea di questo progetto è venuta a Rossella leggendo la biografia e l’opera di Gianni Cosetti, cuoco di Carnia (regione montuosa del Friuli) che negli anni Ottanta e Novanta già si impegnava nel recupero delle tradizioni e dei prodotti locali: Cosetti organizzò infatti un concorso per raccogliere le ricette delle casalinghe friulane in tema di cjalsòns, e su 40 partecipanti vennero fuori ben 40 ricette diverse.

Noi abbiamo seguito quella che Rossella definisce la “ricetta esclusiva” dei Cjalsòns di Gianni Cosetti, anche se l’impresa si presentava ardua a causa della sostanziale approssimazione delle dosi e degli ingredienti.

Anna Cosetti, erede del famoso cuoco, indica di procedere come segue.

La prima cosa da fare è preparare una “pasta matta”, vale a dire un impasto di solo acqua, farina, sale e olio.
Noi non siamo stati capaci di cavarcela senza un uovo, quindi abbiamo sostanzialmente preparato la nostra classica pasta all’uovo, che non sarà friulana ma è servita magnificamente allo scopo.

Fatto l’impasto poco ortodosso, ci siamo attenuti alla ricetta di Anna.

Per il ripieno passo la cipolla nel burro e olio, aggiungo gli spinaci, la ricotta bianca, un po’ di ricotta affumicata, pane nero, mela,
sale e pepe.
Frullo il tutto e adagio un cucchiaino al centro di un cerchio di pasta, poi sopra metto l’uvetta ammollata nel rhum e chiudo il raviolo a mezzaluna.
Dopo la cottura, i cjalsòns si adagiano nel piatto con un po’ di parmigiano e il burro fuso caldissimo.

Come vedete, non era esattamente una ricetta… dettagliata! Tuttavia, è stato meglio così, perchè abbiamo potuto adattarla un po’ ai nostri gusti e alle nostre esigenze. Oltre alla pasta all’uovo ci siamo presi qualche libertà anche nella presentazione del piatto, ma possiamo garantire che i cjalsòns sono piaciuti molto a tutti i commensali nonostante questi piccoli tradimenti.

Grazie a Rossella per la bella avventura gastronomica di cui ci ha resi partecipi!

Post più commentati

15 Commenti per Cjalsòns di Gianni Cosetti

  • patricia b.

    Questi devo assolutamente provarli, buonissimo ripieno con le ricottine!
    A presto
    pat

  • Tery

    In questi giorni ho trovato i cjalsons più volte in giro per il web e sta crescendo la voglia di provarli!
    Complimenti, sono davvero perfetti!!

  • Mafaldina

    Fa piacere vedere una ricetta diversa dal solito, avete fatto bene a tentare l’impresa.
    Preparare la pasta matta non è facile. Ci ho provato una volta seguendo una ricetta di Annalisa Barbagli. Risultato complessivamente positivo, anche se penso che per dei ravioli la mia versione non sarebbe stata abbastanza uniforme.
    La soluzione uovo è sempre una buona idea. Bravi!

  • Rossella

    Bravi!!!
    Sono piaciuti a tutti i commensali? Quanti erano? Dettagli ulteriori?
    Son curiosa.

  • Saretta

    che bravi siete stati!Sono d’accordo che la ricetta approssimata permetta molta più creatività!
    Bacione

  • Simo

    ….mmmmm…che fame…già a quest’ora…..

  • Nuts about food

    Bravi! Bello recuperare ricette antiche che rischiano di andare perse.

  • stefania

    Ciao hanno una bella storia questi buoni … cjalsòns ma come si pronuncia ? un abbraccio

  • lucia

    Amo molto le paste ripiene, il marito un po’ meno, quindi non mi ci sono ancora cimentata… che bella la foto dei cjalsons in fieri!!! Un abbraccio e buon pomeriggio!

  • Daniela

    I miei complimenti, sieti stati bravissimi. Ciao Daniela.

  • Safy

    splendida foto jasmine!!
    se mi avventuro nella ricetta però mi dai indicazioni che ti sei duramente ricavata sul campo eh :-D
    a che servono se no le amiche di pentola!!

  • Safy

    ops scusa manuel non avevo notato era tua :-O
    tu di solito fai sempre risotti ti avevo dato per scontato mannaggia ;-)
    Beh bravissimi come sempre tutti e due!

  • Symposion

    buoni i cjalsons, li ho ‘conosciuti’ da poco ed il vostro piatto fa gola! a presto
    ps bel blog, non so come sono arrivato a voi ma mi piace :)

  • maia

    Ma sono bellissimi!!

    Anche la presentazione co la tela di juta e’ delizioso!

    ciao

  • Serena

    sono bellissimi!

Lascia un commento!

«

»