Estratto di vaniglia fatto in casa

Qualche giorno fa deciso di provare a preparare l’estratto di vaniglia versione home made, un po’ perchè avevo della vodka avanzata da Capodanno che non sapevo più come far fuori, e un po’ perchè da tempo non sono soddisfatta dell’estratto di vaniglia che ho in dispensa, e aprire ogni volta una bacca di vaniglia nuova – con quello che costano – stava diventando un po’ antieconomico.

Estratto di vaniglia

Così, armata di vodka e bacche di vaniglia, mi sono messa all’opera e in pochi minuti ho preparato il mio fantastico estratto di vaniglia fatto in casa. Vi raccomando moltissimo di provare questa ricetta: una volta che vi sarete preparati il vostro estratto di vaniglia fatto in casa non vorrete più usare quello del supermercato!

Per preparare il mio estratto, ho seguito l’imprescindibile ricetta dell’estratto di vaniglia veloce di Bressanini, che vi incoraggio a leggere per le preziose informazioni di natura scientifica che include, ma anche per l’utile tutorial fotografico step by step che io non ho avuto la pazienza di fare.

Estratto di vaniglia fatto in casa
Tipo di portata: Basi
Cucina: Italiana
Tempo di preparazione: 
Tempo di cottura: 
Tempo totale: 
Porzioni: 125 ml
 
Ingredienti
  • 125 ml di vodka
  • 4 baccelli di vaniglia
Procedimento
  1. Predisponete un vasetto Bormioli (o simile) ben pulito, di quelli che solitamente si usano per la marmellata.
  2. Mettete a bagno con poca acqua calda i baccelli di vaniglia per un'oretta: soprattutto se i baccelli non fossero freschissimi, questo faciliterà l'estrazione dei semini in un secondo momento.
  3. Aprite i baccelli a metà con un coltello affilato e raschiatene l’interno con la parte non affilata della lama: otterrete una polvere umida nera, che piano piano potrete trasferire nel vasetto predisposto, insieme ai baccelli vuoti, tagliati in 4 parti.
  4. In un pentolino capiente, scaldate a fiamma bassa 125 ml di vodka: lavorate con cautela, perchè la vodka si può infiammare. Se avete un termometro da caramelle, vi incoraggio ad usarlo: potrete controllare meglio la temperatura del liquido.
  5. Poiché l’alcool etilico bolle a 78°, arrivati a circa 75° comincerete a vedere delle bollicine che si formano e raggiungono la superficie: è alcool etilico che si vaporizza. Spegnete subito il fuoco, versate immediatamente la vodka nel vasetto insieme alla vaniglia, e richiudete subito ermeticamente il contenitore.
  6. Scaldate un pentolino di acqua a circa 70° (meno del bollore, ma l'acqua dev'essere comunque calda) e immergetevi completamente il vasetto di vodka ben chiuso: la vodka si raffredderà lentamente e l’estrazione dell'essenza di vaniglia procederà più spedita.
  7. Aspettate un paio d'ore, poi trasferite il vasetto nella dispensa.
  8. Dopo una settimana potrete già utilizzare l'estratto di vaniglia così preparato, ma più lo lascerete riposare, migliore sarà il sapore.

 

Post più commentati

10 Commenti per Estratto di vaniglia fatto in casa

  • mariaf

    Bene! Per completezza ho letto anche l’articolo di Bressanini. Secondo te, per evitare di dare fuoco alla casa (già mi ci vedo …), posso immergere la vodka in acqua bollente piuttosto che scaldarla sulla fiamma viva? Ce la faccio ad arrivare a 75°?

  • Jasmine

    @Mariaf si potrebbe provare in effetti con un pentolino a bagno maria, ma mi sento di dire che l’importante è che tu tenga semplicemente la vodka lontana dal fuoco; la soluzione più semplice secondo me è usare una pentola dai bordi belli alti :)

  • samanta

    quanto si mantiene il preparato?

  • Jasmine

    @samantha mesi, in teoria! anzi, col tempo dovrebbe migliorare…

  • angela

    Scusa, al posto della vodka si può usare della grappa bianca?

  • Jasmine

    @Angela non saprei perchè non ho provato, ma suppongo di sì :)

  • Nuts about food

    Da quando ho iniziato a farlo, non sono più tornata indietro! Anche perché prima trasportavo bottigliette dagli USA perché qui facevo fatica a trovarlo. Io non uso il metodo della cottura, e sono soddisfatta dei risultati, ma sono comunque molto interessata a seguire il tuo link, grazie!

  • angela

    per quanto riguarda le dosi: una volta fatto, quanto ne occorre per aromatizzare i dolci?

  • Tulla

    Anch’io preparo ‘da me’ l’estratto di vaniglia, ma di solito uso il rum scuro, con quel saporino in più che mi piace un sacco nei dolci! :)
    Un bacio, Tulla (passa a visitare il mio nuovo blog se ti va!)

  • Anna

    Carissimi, bravi davvero! Mi date un consiglio per la prossima Pasqua. Ma voi preparate l’agnello o il pollo? mi consigliate una ricetta valida e buona dovendo andare in un luogo dove non ho possibilità di riscaldare? Grazie sin d’ora.
    Alla prossima
    Anna

Lascia un commento!

«

»