Insalata tiepida di cavolfiori fritti

L’inverno scorso a New York sono stata letteralmente conquistata da un pranzo da Taïm, il falafel bar della bravissima chef israeliana Einat Admony; qualcuno forse ricorderà il mio tentativo casalingo di riprodurre i suoi deliziosi falafel all’harissa, di cui avevamo parlato qualche mese fa quando ero appena tornata dall’America.
Potete immaginare il mio entusiasmo quando ho saputo dell’uscita del primo libro di Einat, Balaboosta: si capiva già dal sottotitolo, bold Mediterrean recipes to feed the people you love, che me ne sarei innamorata, e così è stato.

cavolfiore fritto

Oggi vorrei dunque parlarvi del libro di Einat – questa imprescindibile new entry della mia biblioteca, e di una ricetta tratta dal libro e da me rivisitata, quella dei cavolfiori fritti.

Prima di tutto, due parole sul titolo del libro, Balaboosta; balaboosta, oltre ad essere il nome di uno dei ristoranti di Einat, è una parola che in Yiddish significa un mondo di cose: balaboosta è la casalinga perfetta, la mamma premurosa, la cuoca capace e l’ospite modello.

Anche senza conoscerla personalmente, posso dire che Einat è certamente una balaboosta: si capisce dal tono di voce sereno e accogliente del suo blog, ma anche dalle pagine del libro, dove l’autrice – tra una ricetta e l’altra – racconta con grazia e ironia storie di famiglia, di amici, di viaggi, di tradizioni le cui radici molto lontano nel tempo e nello spazio.
Il risultato del lavoro di Einat è quel raro tipo di libro di ricette che potrebbe essere letto e apprezzato anche da chi non ama cucinare: l’autrice ci invita alla sua tavola e ci accompagna attraverso la sua vita, condividendo ogni cosa generosamente, con un sorriso.

cavolfiore fritto

Nelle ricette di Einat si mescolano classici sapori orientali con inaspettati slanci creativi: in questo senso la sua cucina mi ricorda quella di Ottolenghi, del quale non ha la complessità – per fortuna, direi! – ma senz’altro una comune ispirazione mediterranea.

Veniamo alla ricetta di oggi: si tratta di un piatto piuttosto semplice di cavolfiori fritti, impreziositi da pinoli e frutta secca, cui mi sono presa la libertà di aggiungere un tocco personale, del formaggio fresco di capra.
E’ perfetto per questo inizio di autunno: al mercato si trovano già i primi cavolfiori, conviene approfittarne!

Insalata tiepida di cavolfiori fritti
Tipo di portata: Antipasto
Cucina: Mediorientale
Tempo di preparazione: 
Tempo di cottura: 
Tempo totale: 
Porzioni: 2
 
Ingredienti
  • 1 testa di cavolfiore
  • 10 bei cucchiai pieni di farina
  • olio di arachidi o girasole per friggere
  • 1 rotolino di caprino fresco o qualche cucchiaio di labna
  • mirtilli secchi (o uvette), ammollati in acqua tiepida
  • pinoli
  • prezzemolo
  • 50 ml di aceto di vino bianco per la vinaigrette
  • 2 cucchiai di miele per la vinaigrette
  • 1 cucchiaino di senape per la vinaigrette
  • 3 cucchiai di olio evo per la vinaigrette
  • sale e pepe
Procedimento
  1. In una pentola capiente portate a bollore dell'acqua e scottatevi il cavolfiore tagliato a cimette per circa 2 minuti, poi scolatelo e buttatelo in una scodella di acqua fredda per bloccare la cottura.
  2. In una padella alta o in una pentola antiaderente scaldate l'olio per friggere, fino a circa 180°; intanto, infarinate le cimette di cavolfiore e conditele con sale e pepe.
  3. Friggete con attenzione le cimette di cavolfiore fino a renderle belle dorate, circa 5 minuti, poi scolatele con l'aiuto di una schiumarola su un foglio di carta assorbente.
  4. A parte, preparate la vinaigrette mescolando energicamente con un cucchiaio aceto, miele, senape e olio, più una presa di sale e pepe, poi usatela per condire i cavolfiori ancora tiepidi.
  5. Tostate in padella i pinoli per un paio di minuti, scolate i mirtilli precedentemente ammollati e unite entrambi ai cavolfiori; aggiungete poi, prima di servire, del formaggio fresco - di capra è perfetto, ma anche la labna va bene! - e una manciata di prezzemolo tritato al coltello.
  6. Se, come me, siete amanti del limone, potete aggiungerne qualche goccia per contrastare il sapore della vinaigrette.

 

cavolfiore fritto

Post più commentati

2 Commenti per Insalata tiepida di cavolfiori fritti

  • lacasasullascogliera

    Semplicemente magnifico! Oh, se fossi brava a friggere, come lo farei…peccato che sia una schiappa. Però vedo con piacere che il mio ingrediente preferito c’è, eccome!!!!
    Baci
    Elli

  • S

    It has been such a while since we chatted about food – so lovely to be back on your blog again. Hope that you are well x

Lascia un commento!

«

»