Labna

Amore in cucina

Knafeh

Knafeh è un dolce mediorientale diffuso in tutto il Mediterraneo, tipico della cucina libanese, giordana e arabo-israeliana: si prepara con della pasta kadaif – sfoglia phyllo tirata sottile come i capelli d’angelo – e cremoso formaggio bianco, e viene arricchita con un profumato sciroppo di zucchero all’acqua di rose.

Knafie

Pur avendo sempre mangiato questo dolce in tutti i miei viaggi, in Israele, ma anche in Turchia (dove si chiama kuüefe) e in Grecia (dove si chiama kadaïfi), non avevo mai provato a farlo in casa: così, ho usato l’ottima ricetta di un’amica di Labna, Rosy Gubbay, e in men che non si dica ho fatto una knafeh buonissima, proprio come quella assaggiata in vacanza.

Prima di addentrarci nella ricetta, vi dò qualche rapida informazione sulla pasta kadaif con qui si fa il dolce.
Il kadaif è un tipo di spaghetto molto fine, inventato dagli Ottomani, usato per preparare dolci e pasticcini. Si tratta di tantissimi fili simili ai capelli d’angelo, intrecciati tra di loro in modo irregolare, come matasse di lana, che devono essere ammorbiditi con olio o burro prima dell’uso, proprio come la pasta phyllo con cui si fa la baklawa.

Capelli d'angelo per knafie

Nelle grandi città potete trovare la pasta kadaif negli alimentari etnici e nelle macellerie halal, ma a volte anche nei negozi bio: si trova generalmente surgelata, per preservarne la freschezza, ma a volte anche sottovuoto.

Knafeh
Tipo di portata: Dessert
Cucina: Mediorientale
Tempo di preparazione: 
Tempo di cottura: 
Tempo totale: 
Porzioni: 8
 
Ingredienti
  • 650 g di pasta kadaif
  • 250 g di burro, fuso
  • 750 g di ricotta
  • 1 bicchiere di panna liquida
  • 1 bicchiere di latte
  • 2 cucchiai di zucchero
  • 2 cucchiai di maizena
  • 2 + 2 cucchiai acqua di fiori d’arancio
  • 2 bicchieri di zucchero
Procedimento
  1. Portate la pasta kadaif a temperatura ambiente e tagliatela un po' con le forbici da cucina, a mazzi, poi mescolatela bene al burro lavorandola con le mani.
  2. Fate una base con metà di questa pasta imburrata su una pirofila da forno, dunque schiacciate e livellate bene la pasta.
  3. A parte, preparate il ripieno. Mescolate a freddo in un pentolino il latte, la panna, i due cucchiai di zucchero e la maizena; quando tutto si sarà sciolto, accendete il fuoco e portate il liquido a bollore; raggiunto il bollo, abbassate la fiamma, aggiungete l’acqua di fiori d’arancio e mescolate ancora per due o tre minuti, poi spegnete.
  4. Unite a questa crema la ricotta e amalgamate bene, dunque versate il composto così ottenuto sul fondo della knafeh e livellate con un cucchiaio.
  5. Ricoprite la base di crema con l’altra metà della pasta kadaif e spennellate con ancora un po' di burro fuso.
  6. Mettete il dolce in forno già caldo a 200° per circa mezz’ora: la knafeh è pronta quando è dorata e croccante in superifice.
  7. Verificate durante la cottura che si cucini bene anche il fondo: se occorre, mettete la teglia nel ripiano basso del forno o inserite la modalità di cottura "solo sotto" a metà cottura.
  8. Mentre il dolce cuoce preparate lo sciroppo, mescolando in un pentolino due bicchieri di zucchero e un bicchiere di acqua; da quando il liquido bolle fatelo cuocere per circa mezz’ora a fuoco lento, girando ogni tanto, in modo tale che si addensi. Quando lo sciroppo è pronto, versatevi anche qualche cucchiaio di acqua di fiori d’arancio per aromatizzare.
  9. Versate uniformemente lo sciroppo caldo sulla knafeh appena uscita dal forno: il calore dello zucchero su quello della knafeh la renderà croccantina, perfetta per andare in tavola.

 

Post più commentati

12 Commenti per Knafeh

  • Maria Chiara

    Sono cinque anni che cerco questa ricetta!!!
    Ho assaggiato la knafeh a Nazareth in una pasticceria enorme, ma non sapendo il nome del dolce ho provato a riprodurlo con formaggio e miele.. niente di paragonabile.
    Finalmente ho la vera ricetta!! Non sai quanto sono contenta!

  • Chiara

    Oh, grazie! L’avevo mangiata a Capodanno in un ristorante di Tel Aviv: era rivisitata con creme fraiche e l’aggiunta di uvetta, ero rimasta estasiata, ma avevo perso il nome del dolce.

  • Açef

    V’è anche una ricetta con la stessa pasta ma senza formaggio? Ma con pistacchio (o miele?), tipo baklava e di forma cilindrica. Ha lo stesso nome? ho mangiato spesso questi dolcetti nelle pasticcerie turche o anche israeliane.

  • Jasmine

    @Açef confermo, ci sono diversi dolcetti, anche ripieni di frutta secca, proprio tipo baklawa, che si fanno con lo stesso impasto, però in forma cilindrica o circolare, fatti nello stesso modo.

  • sabina

    Ma l’acqua di rose dove si compra? Io trovo sempre e solo acqua ai fiori d’arancio…

  • Jasmine

    @Sabina ti direi negli stessi posti in cui andrei a cercare la pasta kadaif… ma è strano che trovi quella di fiori d’arancio e non quella di rose…

  • Cristina

    Impazzisco per questo dolce! Ero convinta che venisse preparato con formaggio dolce e fresco e non con ricotta !
    Baci

  • Yosef

    decisamente divina, come salire a Gerusalemme e non prenderne una brava fetta! ho provato a rifarla a casa una volta ma purtroppo senza successo :-( Vediamo con te tue indicazioni!

  • Maria Chiara

    Di ricotta qualsiasi va bene?

  • Jasmine

    @Mariachiara sì! :)

  • laura

    Ciao! questo dolce è strepitoso! Grazie! Ho dovuto fare una variazione perché non sono riuscita a trovare la pasta kadaif: ho preso la pasta phillo e l’ho tagliata a striscioline finissime (un lavoraccio!) Spero di non aver fatto un errore… Il sito è stupendo!

Lascia un commento!

«

»