Lox o gravlax, il salmone come non l’avete mai preparato

Questo articolo non ha il titolo che merita: volevo intitolare il post “salmone affumicato” – sarete tutti d’accordo con me che quello che vedete in foto qui sotto sembra salmone affumicato, no? – ma siccome questo salmone non è tecnicamente affumicato non ho voluto indurvi in errore. Per farla breve, oggi impariamo insieme a preparare il salmone alla maniera scandinava, e lo chiameremo lox o gravlax invece che “salmone affumicato” solo perchè io non ho gli strumenti per affumicarlo, ma il concetto è precisamente lo stesso.

Lox o gravlax

Prima di saltare alla ricetta, però, mi piacerebbe raccontarvi la storia di questo semplicissimo e insieme assolutamente geniale modo di preparare il salmone: è una storia che inizia in Europa e finisce in America e si intreccia, tanto per cambiare, con quella del popolo ebraico.

Gravlax o gravadlax è un termine nordico che indica il salmone conservato e preparato con una marinata – gli inglesi direbbero più correttamente brine – a base di sale, zucchero ed aneto.
Il lox, che del gravlax è praticamente gemello, è uno dei più tipici ingredienti della cucina ebraica ashkenazita americana: immancabile con i bagel da colazione fino all’ora di cena, spesso insieme alle uova strapazzate, è uno dei cibi più iconici dei tradizionali deli americani.
Due nomi, quindi, per una sola squisita ricetta che ha varcato gli oceani, dall’Europa settentrionale fino agli USA, dove è sbarcata insieme alle aringhe affumicate, al pastrami e a molte altre specialità portate dagli emigrati ebrei.

Non mi sarebbe mai venuto in mente di cimentarmi in questa ricetta se non mi fossi trovata, qualche giorno fa, in un posticino speciale qui a Milano, il Björk Side Store, un negozietto dedicato al mondo scandinavo che mescola il food con l’arredo, il nuovo design con il vintage.
Da Bjork ho mangiato una piccola, indimenticabile tartina – anzi, smørrebrød – al salmone con pane di segale, burro, composta di lingonberry e la più deliziosa senape dolce che avessi mai assaggiato (e, si noti, a me non piace la senape), che ho prontamente comprato e portato a casa, insieme a una magnifica affettatrice per pane in legno e ghisa della prima metà del ‘900 che vedete in foto.

Dettaglio affettatrice di ghisa scandinava

Così, tornata a casa, ho cercato di riprodurre quanto assaggiato in versione home-made, preparando – con inaspettato successo – il mio salmone marinato ebraico-scandinavo, rigorosamente non affumicato (anche perchè non avrei idea di come affumicare alcunchè senza incendiare la cucina).

Ora se volete cimentarvi, ecco la ricetta: è facilissima, dovete provarla!

Lox o gravlax
Tipo di portata: Antipasto
Cucina: Ebraica
Tempo di preparazione: 
Tempo di cottura: 
Tempo totale: 
Porzioni: 4
 
Ingredienti
  • 500 g di filetto di salmone, con la pelle
  • 100 g di zucchero
  • 50 g di sale
  • aneto (facoltativo)
Procedimento
  1. Per prima cosa, tagliate il filetto di salmone in due fette di uguale misura: per intenderci, dovete poterlo chiudere a sandwich, mantenendo la pelle all'esterno.
  2. Assicuratevi di aver tolto tutte le spine della lisca: se ne trovate ancora, toglietele con una pinzetta.
  3. In generale, se non siete al 100% sicuri della provenienza e della freschezza del pesce vi consiglio di congelarlo per 24 e poi farlo tornare a temperatura in frigo prima di cominciare tutta la procedura.
  4. In una ciotolina, mescolate sale e zucchero.
  5. Predisponete un pezzo di pellicola da cucina, poi versatevi sopra una parte del mix di sale e zucchero. Sul primo strato di sale e zucchero disponete i due pezzi di salmone (se usate l'aneto, infilatelo in mezzo tra i due pezzi di filetto), poi coprite il tutto col resto della marinata: il pesce deve risultare interamente ricoperto di sale.
  6. Chiudete la pellicola avvolgendovi bene il pesce: l'idea è di arrotolarlo come un sigaro, avendo cura di chiudere la pellicola da una parte, ma lasciandola aperta dall'altra. L'apertura nella pellicola permetterà alla marinata, una volta liquefatta, di scolare via.
  7. Mettete il pesce avvolto nella pellicola in una vaschetta che lo contenga comodamente e trasferite la vaschetta in frigo
  8. Mettete sopra al pesce un peso (es. una bottiglia di olio) per tenerlo premuto, e sotto alla vaschetta che lo contiene, da una parte, mettete un supporto che permetta di tenere la vaschetta inclinata: l'idea è che i liquidi della marinata e del pesce escano gradualmente e si raccolgano nella vaschetta.
  9. Dopo 24 ore in frigo, controllare i pesce: se i sale e lo zucchero si sono sciolti, scolate il liquido e ripetete l'operazione di marinatura.
  10. Dopo 48 ore in totale in frigo, il nostro lox è pronto: toglietelo dalla pellicola e sciacquatelo per togliere tutti i residui di marinata e di erbe.
  11. La pelle del salmone così preparato dovrebbe venire via molto agevolmente, come una buccia; se così non fosse, tagliatela via con un coltello ben affilato.
  12. Affettate il salmone il più sottile possibile e servite su pane di segale o bagels, con tutti i condimenti!

 

 

Post più commentati

14 Commenti per Lox o gravlax, il salmone come non l’avete mai preparato

  • Irma

    Ricetta interessantissima! :)
    Secondo te potrebbe funzionare anche con i filetti di trota salmonata?… dovrò fare esperimenti!
    buon we Jasmine!
    Irma

  • Jasmine

    @Irma a rigore dovrebbe funzionare con qualsiasi pesce un po’ grasso! :) buon weekend!

  • Luciana

    Mia madre fa esattamente lo stesso col petto di tacchino ma al posto dello zucchero, ci mette delle fettine sottilissime di mele e rimane più di 48 ore in frigo. Esce tutto marinato, saporito e profumato.
    Proverò sicuramente questo salmone!

  • Giulia

    Interessante la “migrazione” di questo salmone!
    L’ho mangiato preparato così a Capodanno e l’ho trovato squisito. Mi sono già appuntata diverse ricette per farlo in casa ma ancora non l’ho provato; appena trovo un bel filetto mi cimento!
    Giulia

  • Adriana

    Moooooooooooooolto interessante.. ma.. l’aneto?
    Ci vuole, è che qui non saprei proprio come e dove trovarlo!
    Qualcosa escogiterò, ma voglio provare. E grazie!

  • giulia pignatelli

    molto buono, lo preparo spesso e lo faccio marinare più di 2 giorni così si asciuga meglio :)

  • Chiara

    Buonissimo, come presentato nella foto assieme al pane nero di segale è una vera delizia!

    P.S.
    Visto che è il primo commento approfitto per farti i complimenti per il blog, io a malapena riesco ad aggiornare decentemente il mio :P

  • Chiara

    Jasmine, grazie per la ricetta! l’ho trovata entusiasmante e l’ho provata subito! é venuto fantastico, il miglior salmone che abbia mai mangiato! la prossima volta sperimenteró il brine con spezie diverse!

  • maia

    E’ favoloso, grazie della ricetta!

    lo provero!!

  • luisa

    geniale!

  • lumi

    Ciao Jasmine, sei riuscita a recuperare un filetto di salmone selvaggio o è d’allevamento? Nel primo caso mi indichi dove? Grazie!

  • Aviva

    Grazie della ricetta, la vorrei provare subito, però ho a disposizione un trancio di salmone, non un filetto. Fa lo stesso o no?

  • Jasmine

    @Aviva scusa se rispondo solo ora, secondo me fa lo stesso, considera solo che sarà un po’ più scomodo da tagliare!

Lascia un commento!

«

»