Marmellata di cedro e agrumi (ricetta con l’etrog per dopo Sukkot)

Mentre noi eravamo affaccendati in altre faccende, colpevolmente dimentichi di questo blog, la festa ebraica di Succot è iniziata… e terminata!
By the way, per chi non se la ricordasse dagli anni scorsi, nell’apposita pagina di Labna dedicata a Succot trovate tutta la storia, le tradizioni e le ricette di questa festa.

Marmellata di cedro (etrog) e agrumi

Gli elementi iconici di Sukkot – come indicato nella Bibbia* – sono il lulav – un mazzo di rami composto da mirto, palma, salice – e l’etrog, cioè il cedro, entrambi utilizzati per la preghiera. Il problema che mi si pone ogni anno è cosa fare dopo la fine di Succot con il cedro avanzato, un frutto profumato e saporito che sarebbe un peccato sprecare.
Quest’anno ci ho fatto due cose, la marmellata di cedro e la cedrata, ma oggi vi parlo solamente della marmellata di cedro (la cedrata potete sbirciarla su Instagram di Labna!).

A post shared by Benedetta Jasmine (@labna) on

In molte famiglie vige la tradizione di conservare l’etrog (e anche i rami del lulav!) utilizzato per le preghiere a Succot nelle successive feste ebraiche; in particulare, con l’etrog si fanno spesso scorzette candite e conserve da mangiare poi a Tu Bi’Shvat, mentre i rami del lulav ormai secchi sono spesso utilizzati in occasione di Pesach, la Pasqua ebraica.

* Prenderete per voi nel primo giorno un frutto di bell’aspetto, un ramo di palma, rami dell’albero del mirto e rami di salice, e vi rallegrerete davanti al Signore vostro Dio per sette giorni… (Levitico 23-40)

Cedro o etrog

Marmellata di cedro e agrumi
Tipo di portata: Colazione
Cucina: Ebraica
Tempo di preparazione: 
Tempo di cottura: 
Tempo totale: 
 
Ingredienti
  • 1 cedro
  • 1 arancia (o altri agrumi a piacere, funzionano benissimo anche mandarini, mapi ecc.)
  • zucchero
Procedimento
  1. Sbucciate a vivo il cedro e l'arancia e tenete da parte le bucce; il nostro obbiettivo è conservare la polpa e la scorza, ma affettare via la parte bianca sotto la scorza, specialmente per il cedro.
  2. In una pentola antiaderente, mettete a mollo la scorza e la polpa degli agrumi per una nott.
  3. Il giorno dopo, cambiate l'acqua e fate sobbollire la frutta per un paio di minuti; ripetete l'operazione due volte.
  4. Scolate bene la frutta e buttate via l'acqua di cottura, dunque pesate la frutta e rimettetela in pentola insieme allo zucchero in quantità equivalente al suo peso (e.g. 400 g di agrumi bolliti con 400 g di zucchero).
  5. Fate cuocere zucchero e agrumi a fiamma bassa per cierca 45 minuti, o finchè la marmellata non raggiunge la consistenza desiderata.
  6. Conservate la marmellata in vasetti sterilizzati e assicuratevi che sia ben calda quando la trasferite nei vasetti, perchè si formi facilmente il sottovuoto.

Marmellata di cedro (etrog) e agrumi

Post più commentati

No comments yet.

Lascia un commento!

«