Panzanella

La panzanella è un piatto classico della cucina toscana, così famoso da non avere certo bisogno di presentazioni. E’ il perfetto antipasto se servita in piccole porzioni, ma può anche sostituire un pranzo nelle giornate estive, quando si ha solo voglia di mangiare qualcosa di fresco e possibilmente veloce da preparare.
Come per tutti i piatti tipici regionali, ogni famiglia ha la sua versione, tramandata di madre in figlia,  ed è pronta a sostenerne l’autenticità assoluta a fronte di ogni altra.

Panzanella

Io, che toscana non sono, non ho un partito in particolare da difendere: sono quindi arrivata alla conclusione che la versione base del piatto preveda solo pane, pomodoro, cipolla rossa e basilico, ma anche che questa sia la ricetta ideale per mescolare in un’insalata deliziosa anche altri ingredienti meno ortodossi come cetrioli, rapanelli, olive e simili.

La mia ricetta per la panzanella preferita in assoluto è quella, semplice ma imbattibile, che ho pubblicato qualche giorno fa sul blog di ricette di Pomì: pronta in 5 minuti, vi permette di sfangare rapidamente un pasto e anche di smaltire il pane vecchio senza buttarlo via. Cosa chiedere di più?

Se poi vi avanza veramente tanto pane – a chi non capita, quando ad esempio si invitano amici a cena, di trovarsi con una tonnellata di pane secco? – vi consiglio di provare alcune delle ricette a base di pane raffermo che ho raccolto per voi. Eccole!

A proposito di fattush, mi viene in mente che ho dimenticato un consiglio preziosissimo da darvi: provate a dare un twist mediorientale alla vostra panzanella aggiungendo una delle spezie tipiche del fattush libanese, il sumac. E’ una polverina che sa più o meno di limone e si sposa a meraviglia con la panzanella.
Poi… beh, ora che mi vengono un mente tante specialità mediorientali, direi che potreste aggiungere anche un po’ di sesamo, bianco o nero: in dispensa ce l’avrete di sicuro, perchè non metterne un cucchiaino? Basta tostarlo rapidamente in padella per aggiungere una dimensione nuova alla solita panzanella.

Se vi vengono in mente nuovi modi per “corrompere” la panzanella o avete delle ricette favolose per riciclare il pane vecchio, fatemelo sapere nei commenti!

Post più commentati

4 Commenti per Panzanella

  • Alessandra

    Hai proprio ragione, la panzanella è un po’ come l’amatriciana o la carbonara, ognuno ha da dire la sua! Io però la faccio esattamente come te, a volte aggiungendo anche un po’ di tonno. La proverò con aggiunta di sumac, come hai consigliato tu! Ne ho giusto un po’ e non so mai come usarlo :D
    Buona giornata.

    Ale

  • Sabina Moscatelli

    Buona buona buona. Per chi ha scarsa fantasia in cucina, come la sottoscritta, ogni variante è apprezzatissima!

  • Gianni

    Perfetta, lo dico da fiorentino doc. Una piccolissima osservazione: il pane toscano dovrebbe essere raffermo, non proprio secco, altrimenti si sbriciola troppo. Con raffermo intendo pane di qualche giorno, indurito ma che si può ancora fare a fette. Giustissima l’indicazione dell’acqua fredda, ma fredda bene altrimenti il pane viene colloso.
    Una grande cura per il pane è giustificata essendo esso la base della panzanella.

  • Maria

    Da toscana, un mio commento non poteva mancare… La panzanella è la mia ricetta estiva preferita e ogni volta che la mamma la prepara è una festa per tutta la famiglia!
    La tua ricetta e le tue indicazioni sono davvero ottime. Aggiungo un consiglio molto semplice: è importante strizzare bene il pane, per evitare che rimanga impregnato d’acqua.
    Io solitamente la preparo aggiungendo agli ingredienti da te già citati olive, tonno, insalata e rucola (che aggiunge un sapore particolare, un po’ “rustico” davvero niente male) e un po’ di pepe. Però si tratta di un piatto estremamente versatile, e si può fare tranquillamente con quello che si ha già in casa. E’ nata infatti come modo per riutilizzare gli avanzi.

Lascia un commento!

«

»