Sponge cake al limone di Jamie

Ce l’abbiamo fatta, amici, questa è l’ultima ricetta dedicata a Pesach, la Pasqua ebraica: fino all’anno prossimo, lo prometto, non ne parleremo più!
Chiudiamo in bellezza la nostra raccolta di ricette di Pesach – che vi ricordo, casomai foste appena arrivati qui da Marte, sono senza lievito e senza farina – con un dolce veramente, veramente buonissimo dell’amica Jamie, del blog Life’s a feast.

Torta al limone di Pesach

Jamie è una cuoca eccellente ma soprattutto una scrittrice meravigliosa: vi rimando al suo post dedicato alla lemon sponge cake per la “storia” di questa torta.
Vi ho invece tradotto la ricetta perchè non aveste scuse per non provare questa torta, che è soffice come una nuvola e merita veramente di essere assaggiata, anche da chi non festeggia Pesach!

Torta al limone di PesachTorta al limone di Pesach

Sponge cake al limone di Jamie
Tipo di portata: Dessert
Cucina: Americana
Tempo di preparazione: 
Tempo di cottura: 
Tempo totale: 
Porzioni: 6
 
Ingredienti
  • 4 uova
  • 200 g di zucchero
  • 1 limone, succo e scorza (*)
  • 1 cucchiaino di estratto di vaniglia
  • 50 grammi di farina di mandorle
  • 90 g di fecola di patate
  • (*) io al posto della scorza, che non mi piace molto, ho usato un delicato estratto di limone
Procedimento
  1. Preriscaldate il forno a 180 ° C e preparate uno stampo a cerniera di alluminio da 20 cm, ricoprendone la base di carta da forno.
  2. Separate gli albumi dai tuorli in due ciotole diverse. Montate i bianchi a neve ferma, ma senza eccedere, poi trasferiteli in frigo. Nel frattempo, sbattete i tuorli d'uovo con lo zucchero fino ad ottenere una crema densa e leggera, poi aggiungetevi le mandorle tritate, il succo e la scorza di limone.
  3. Con una spatola, delicatamente, incorporate i bianchi montati a neve nella crema al limone: incorporate metà dei bianchi, poi la fecola di patate, infine la seconda metà dei bianchi.
  4. Versate l'impasto così ottenuto nella teglia precedentemente preparata e cuocete per 40-45 minuti: potete controllare la cottura con il metodo dello stecchino, che infilato nel dolce fino in fondo dovrà uscire pulito.
  5. Togliete la teglia dal forno e lasciatela raffreddare prima di estrarne il dolce.

 

collage2

Post più commentati

16 Commenti per Sponge cake al limone di Jamie

  • Mattia

    Salve, cara redazione di Labna.
    Innanzitutto complimentoni per il sito, seguo molto le vostre ricette e le
    alternative che proponete, gustose e salutari.
    Volevo chiedere un favore: recentemente ho avuto il piacere di assaggiare
    durante un viaggio a Venezia le Azzime Dolci, che con quel misto di dolce e
    anice mi hanno conquistato, ma non riesco a trovare una buona ricetta ed un
    buon procedimento, e volevo dunque sapere se potevate fare qualcosa voi in
    merito, rispolverando magari il ricettario di famiglia..
    So che è una ricetta della Pasqua Ebraica, quindi magari prima di chiuedere i battenti per quest’anno vi chiede quest’ultimo favore!
    Grazie Mille!1

  • Paolandia

    Nonostante il pranzo di Pasquetta mi stia ancora dando del filo da torcere, questa torta mi ha fatto venire l’acquolina in bocca.
    Balza prima nella lista dei “da fare”.
    Complimenti, P.

  • Rossella

    Perché l’ultima? Le ricette di Pesach mi affascinano. Sarà il fascino delle tradizioni, del tempo, del sapersi calibrare tra cucina e riti, ma le apprezzo molto. Anche se forse apprezzo non è la parola giusta in italiano. Sarà che leggo troppo Jamie :)
    Concordo con te che Jamie scrive in maniera fantastica. I suoi post sono un viaggio nei ricordi suoi e propri.

  • Roberta

    Che bella… la tengo per l’anno prossimo, da fare per prima per una settimana di colazioni soffici :)

  • Myriam

    Senza glutine e senza grassi! Ottima per il fidanzato sempre a dieta :) E per me che adoro i limoni. Grazie Jasmine!

  • Simo

    Grazie per questa torta. La farò sicuramente!
    Hai una ricetta per pane azzimo senza glutine? Io ho provato a fare un “chapati” di riso suggeritomi da un’amica bangla e non era male, c’erano soltanto farina di riso acqua e un pizzico di sale. Ciao simo

  • Ester

    buonissima… e super leggera :)

  • Francesca

    Ho provato la ricetta, nn avevo le mandorle e ho usato un po’ di “farina” x celiaci (la torta era per un’antica intollerante”), è venuta perfetta! Una cosa davvero deliziosa, la rifarò sicuramente in altre occasioni perché è davvero eccezionale.

  • Simo

    Cara Labna, ho provato questo dolce ma ho avuto un problema ,mi è lievitato, o meglio si è alzato, davvero poco, anche se poi l’impasto era morbido e piacevole. Hai qualche consiglio per migliorarne la “lievitazione”? Ho guardato anche il sito di Jamie e la sua torta mi sembrava il doppio della mia… Grazie se riuscirai a rispondermi. S

  • Jasmine

    Ciao Simo, allora, in genere il problema che alcune persone hanno coi dolci di questo tipo che si “reggono” sui bianchi a neve è un errore nel modo di montare i bianchi. I bianchi vanno montanti molto lentamente (cioè non con le fruste al massimo, ma con le fruste a velocità bassa) e a lungo, perchè questo permette di incorporare l’aria in modo uniforme, e non vanno montati a neve del tutto ferma (tipo che se capovolgi la ciotola rimangono lì), ma a soft peaks, come dice Jamie.
    In generale, poi, a volte, si sbaglia anche a incorporare la parte solida (la farina), operazione che va fatta con estrema delicatezza, mescolando col cucchiaio orizzontale dall’alto verso il basso.
    Queste info potrebbero aiutarti? :)

  • Nadia

    Ciao,
    ieri sera ho voluto dedicarmi un po’ di tempo e provare questa ricetta che mi aveva incuriosito.
    Non ho resistito ad assargiarne una fetta ancora tiepida ( sensazione meravigliosa) e questa mattina a colazione me la sono goduta davvero. Ha una consistenza che non avevo mai provato , è davvero stata una novità per me preparare una torta senza lievito e farina . Mi è piaciuta molto e credo che la userò come base torte con la frutta . Complimenti per il vostro blog , si distingue dagli altri !

  • Simo

    Grazie Labna!!!! Proverò sicuramente a rifarla e ti riferirò.
    Ciao simo

  • Aura

    Dolce buonissimo e a prova di schiappa! Anche se devo confessare che, a causa della mia bassa autostima in campo culinario, io un mezzo cucchiaino di polvere lievitante l’ho aggiunto! E la seconda volta che l’ho preparato (e’ ora in forno) ho anche diminuito un po’ la quantita’ di zucchero. Grazie per le vostre ricette!

  • Romy

    Grazie bellissimo sito…. Devo preparare un dolce per una cena ebraica…. E devo dire che qui o l’imbarazzo della scelta… Complimenti.

  • Mariella

    mi fa piacere aver trovato queste ricette che farò sicuramente e mi fa piacere sapere che ci siete

  • Mariella

    buone senz’altro queste ricette ……le proverò

Lascia un commento!

«

»