Sticky toffee pudding

Credo non sia una novità, per chi legge abitualmente questo blog, che io amo la cucina inglese. Anzi vi dirò che a volte mi ritrovo a pensare che il posto in cui mangio più volentieri è proprio la tanto bistrattata l’Inghilterra. Tutti si lamentano del cibo inglese, dagli studenti italiani in vacanza al college fino ai quadri d’azienda in trasferta per lavoro, ma nessuno si prende mai la briga di scoprire l’autentica cucina inglese: l’avete mai mangiato il vero porridge? e lo Yorkshire pudding? e un mincepie fatto in casa?

Sticky toffee pudding

Così, anche questa volta vi racconto una ricetta molto British, sperando così di far luce su una cucina che amo e che viene spesso ingiustamente sottovalutata; oggi parliamo dello sticky tofee pudding, realizzato con la ricetta deliziosa di Jamie Oliver in Jamie’s Dinners.

Sticky toffee pudding

 

Sticky toffee pudding
Tipo di portata: Dessert
Cucina: British
Tempo di preparazione: 
Tempo di cottura: 
Tempo totale: 
Porzioni: 4
 
Ingredienti
  • 225 g di datteri, senza nocciolo
  • 1 cucchiaino di bicarbonato
  • 85 g di burro morbido
  • 200 ml di acqua bollente
  • 170 g di zucchero di canna
  • 2 uova grandi
  • 170 g di farina auto-lievitante
  • ¼ di cucchiaino di cannella
  • 2 cucchiai di cacao
  • 2 cucchiai di yogurt bianco
  • 115 g di burro (per la salsa tofee)
  • 115 g di zucchero muscovado (per la salsa tofee)
  • 140 ml di panna (per la salsa tofee)
Procedimento
  1. Preriscaldate il forno a 180°. Mettete i datteri in una ciotola insieme al bicarbonato e all'acqua bollente, lasciate che i datteri si ammorbidiscano un po' e poi scolateli.
  2. Frullate i datteri fino ad ottenere una purea densa.
  3. Nel frattempo, mescolate burro e zucchero con un cucchiaio di legno fino ad ottenere una crema chiara, cui poi aggiungerete uova, farina, cannella e ovomaltina.
  4. Lavorate bene l'impasto e aggiungetevi gradualmente il frullato di datteri e lo yogurt, continuando a mescolare bene per mantenere il composto uniforme.
  5. Imburrate una teglia e cuocete l'impasto del pudding in forno per 35 minuti.
  6. Mentre il pudding cuoce, preparare la salsa al tofee facendo addensare tutti gli ingredienti in una casseruola a fuoco basso fino ad ottenere una salsina dorata.
  7. Servite la torta a fette o - più tradizionalmente - a generose cucchiaiate, con abbondante sticky toffee.

 

Post più commentati

16 Commenti per Sticky toffee pudding

  • k@tia

    mi piace come suona il nome della ricetta!! fa molto english!
    mai assaggiata questa meraviglia, e, comunque, seguendo te ormai nessuno crederà più che nella *bistrattata* Inghilterra si mangi così male!!! buona giornata!

  • rosa

    ecco io il vero porridge non l’ho mai mangiato e davvero (DAVVERO) mi piacerebbe provare a farlo. sicché, se tu per caso ecco insomma…, avessi in programma di passarci una ricettina bella collaudata… io sono già qui con la penna in mano :-)

    senza nulla togliere a questo meraviglioso sticky toffee pudding!

  • Saretta

    Io sono tra gli ignoranti haimè!Ma grazie a te sto rivalutando questa cucina del nord!Strepitoso questo dolce, lo assaggerei volentierissimo all’istante!
    Poi riprodurrai anche le altre ricette citate? :)
    Bacione

  • Dora

    E’ vero ciò che dici. C’è una grande “ignoranza” in merito alla classica cucina inglese. Forse alcuni piatti sono un pò lontani dalle nostre abitudini, ma io, ad esempio, adoro i loro piatti di selvaggina, le mincepies non ne parliamo e ho avuto occasione di consumare ottime cene nei comunissimi pub, dove, a differenza di qua, non servono solo wurstel e patatine (anzi, a dire il vero, ne ho trovati pochi che le propongono), ma si trovano ottimi piatti unici a base di faggiano, funghi, salmone ecc..
    Il pudding è troppo dolce per i miei gusti, ma il libro di Jamie lo adoro!! Vallo a trovare un non-italiano che suggerisce tutti quei modi su come usare il pesto!

  • Dora

    Si, va beh, fagiano non faggiano!!

  • Luciana

    Devo essere sincera, neanche io ho mai mangiato le vere ricette della tradizione inglese e quindi non posso dire se mi piace oppure no!!! potrei cominciare da questo pudding che è davvero invitante!! un bacione :D

  • Anna

    Ciao Labna. Vero, c’è molta ignoranza sulla cucina inglese ma, ovviamente posso parlare da turista, non ho mai visto ristoranti che offrono la vera cucina inglese. Se vai in giro per Londra trovi un sacco di ristorante italiani e indiani. Anche Jamie Oliver nel menù del suo ristorante non ha molti piatti inglesi.
    A parte tutto io adoro tutte le cucine e mi paice scoprire e provare nuove ricette, la tua è una di quelle.
    Un abbraccio
    Anna

  • micaela

    anch’io adoro la cucina inglese… a dire il vero non ho mai provato a fare un pudding… mi segno la tua ricetta, chissà!

  • Juls @ Juls' Kitchen

    io potrei quotare parola dopo parola! Grande Jasmine!

  • Nuts about food

    Non mi stancherò mai di difendere la cucina inglese (e quella tedesca e di tanti altri paesi). Ogni cultura ha ricette e ingredienti particolari e buonissimi. Bisogna provare prima di guidicare!

  • Wennycara

    Beh, è per questo che ti ritengo mia mentore, per la cucina inglese :)
    Ho imparato molto leggendoti, e sono felice di continuare a farlo.
    I puddings sono tra i miei dolci preferiti: questo contempla ingredienti che un pò mi interdicono -ovomaltina e farina autolievitante-, ma la immagazzino nella mente. Tutto torna utile :)
    Buon pomeriggio,

    wenny

  • patricia b.

    Anche questo dolce cioccolatoso è di cotanta golosità che non saprei quale scegliere dovendo farne 1…. buonissimo:)
    a presto, un abbraccio
    pat

  • PanKogut

    Non ci sono mai stato in Inghilterra, prima o poi ci andremo. E’ nei programmi! Ti farò sapere, intanto grazie per questa ricetta.

    Ciao

  • terry

    Tesoro con me per esempio sfondi una porta aperta con la cucina inglese, bistrattata solo per sentito dire o pigrizia o congetture sbagliate su modi di dire o luoghi comuni!
    io l’adoro… e adoro lo sticky toffee pudding!
    ben detto e ben fatto!!!

  • Shade

    io adoro questa ricetta! una volta ho provato ad “alleggerirla” aggiungendo dell’uva e direi che non era male ma l’originale è pazzesca!
    una fettina per me, please!!!

  • laura

    la ho mangiata una settimana fa a Londra. Divina

Lascia un commento!

«

»