Go Back Email Link
+ servings
Pane fatto in casa

Pane casereccio per principianti

Preparazione 30 min
Cottura 30 min
Tempo totale 1 h
Portata Pane
Cucina Italiana
Porzioni 1 pagnotta

Ingredienti
  

  • 250 g di acqua + circa 30 g di acqua
  • 550 g di farina* leggete qui sotto tutte le combinazioni possibili
  • 25 g di lievito di birra in panetti o 1 busta di lievito secco
  • 1 cucchiaino e 1/2 di sale
  • 1/2 cucchiaino di zucchero
  • olio extra-vergine di oliva q. b. circa 1/2 bicchiere di plastica
  • 1 cucchiaino di malto d'orzo o 1 cucchiaino di miele facoltativo

Istruzioni
 

  • Impastare il pane richiede un po' di pazienza, ma il successo è quasi assicurato; si può lavorare a mano o con l'impastatrice.
  • Con il KitchenAid: Montate il gancio all'impastatrice. Versate nel contenitore l'acqua e il lievito. Aggiungete 3/4 della farina e portate l'impastatrice a velocità 2. Facendo attenzione, aggiungete il sale, lo zucchero, il malto o il miele, e l'olio, poi - piano piano - la farina lasciata da parte.
  • Quando l'impasto si attacca bene al gancio e si stacca quasi completamente dai bordi della ciotola si può procedere a impastarlo sul piano di lavoro.
  • A mano: Sciogliete il lievito in circa 30g di acqua tiepida. In una ciotola capiente, versate i 250 g di acqua e aggiungetevi il lievito sciolto in precedenza.
  • Mescolate a parte la farina con il sale e lo zucchero, poi versatela a pioggia, poco a poco, dentro alla ciotola dell'acqua. Bisogna fare attenzione a versare poca farina per volta e a sciogliere bene i grumi nell'acqua: si può usare un cucchiaio di legno, ma con le mani si riesce senz'altro meglio. Setacciare la farina sembra una scocciatura, ma aiuta a evitare i grumi di cui sopra.
  • Incorporate la farina nell'acqua, aggiungete malto o miele, e lavorate l'impasto con pazienza finchè non diventa elastico. Per avere un'idea di quando l'impasto è quasi pronto basta guardarsi le mani: se la pasta è appiccicosa e si attacca alle dita, ancora non ci siamo. Continuando ad aggiungere farina (potrebbe servirne un po' di più di quanto indicato sopra) la pasta smette di attaccarsi tremendamente alle mani: è il momento di aggiungere l'olio e ricominciare a lavorarla. Ormai la nostra pasta di pane dovrebbe essere molto elastica e agevolmente lavorabile anche fuori dalla ciotola.
  • E' il momento di trasferire pertanto l'impasto sul piano della cucina e cominciare a tirarlo; tirare l'impasto significa mettere tre dita della mano sinistra sull'impasto, con il palmo della mano destra spingerlo forte e schiacciarlo, per poi raccoglierlo e ripetere l'operazione più volte.
  • Dopo aver tirato un congruo numero di volte la nostra palla di pane (non è che dobbiate perderci la giornata eh, bastano 4 o 5 volte!), appoggiatela in una ciotola, copritela con un panno e lasciatela lievitare mezz'oretta in un luogo tiepido.
  • Quando la pasta è ben lievitata, preparate delle forme della dimensione preferita e segnatene la superficie con una croce o una griglia, servendovi di un coltello affilato. Appoggiate le forme del pane su carta da forno.
  • A questo punto coprite bene con un panno le forme di pane e lasciatele lievitare ancora un'ora. Nel frattempo, preriscaldate il forno a 180°.
  • A lievitazione ultimata, infornate il pane nel forno già caldo.
  • Se avete una pentola di ghisa adatta a contenere la pagnotta, provate a scaldarla nel forno e poi fate cuocere il pane a 200° per 10 minuti nella pentola di ghisa chiusa col suo coperchio. Trascorsi i minuti indicati, togliete il coperchio, abbassate il forno a 180° e fate cuocere il pane ancora per 20 minuti circa. Otterrete una crosta super croccante, come quella del fornaio.
  • Il pane è pronto quando la superficie è bella colorita e la base del pane è solida.
  • Lasciate raffreddare completamente il pane su una gratella, in modo che "respiri", prima di affettarlo.
Hai provato questa ricetta?Taggaci su Instagram e facci vedere il risultato!