Riso persiano ingioiellato

Il riso persiano “ingioiellato” è una ricetta molto particolare, che le donne ebree provenienti dalla Persia – l’attuale Iran – hanno portato con sè qui in Italia: ora molte famiglie ebraiche, provenienti anche da altri paesi, preparano questo riso di Shabbat, perchè si può preparare in anticipo e scaldarlo prima di servire, o anche consumarlo freddo.
Ovviamente ogni famiglia lo prepara in modo diverso: questa è la nostra ricetta, leggermente semplificata rispetto a quella tradizionale.

Se non avete mai provato questo riso così speciale dovete farlo: non perchè il riso sia eccezionalmente buono – certo, lo è – ma per provare l’ebbrezza di contendervi con gli altri commensali la parte migliore del piatto, il tahdig, cioè il fondo di riso croccante e bruciacchiato alla base della pentola.

Ricordatevi di spiegare agli ospiti, che potrebbere rimanere un po’ perplessi, che il fondo della pentola è la parte migliore, ed è considerato un gesto di amicizia e rispetto cederlo a qualcuno! Chi non è abituato potrebbe pensare di aver ricevuto una parte meno nobile del piatto, mentre al contrario non c’è niente di meglio della crosticina dorata del riso!

Per preparare 3/4 porzioni di riso ci occorrono

  • 2 bicchieri di riso basmati
  • 1 cipolla, finemente tritata
  • 2 carote grattugiate o tagliate a julienne
  • 1 cucchiaino di scorza d’arancia
  • 
olio vegetale
  • uvetta (gialla e viola), mirtilli secchi, ciliegie disidratate
  • cardamomo, cannella, cumino
  • 1 bustina di zafferano
  • 
pistacchi
  • mandorle tagliate a lamelle

Lavate il riso e fatelo bollire per sette minuti in acqua precedentemente salata, dunque scolatelo e mettetelo da parte; nel frattempo, mettete a mollo la frutta secca in acqua calda per una ventina di minuti.
In una padella capiente, scaldate l’olio, fate dorare e ammorbidire la cipolla, poi aggiungete le carote tagliate a julienne, la scorza d’arancia (meglio se secca), le spezie a piacere e, se volete ottenere alla fine un riso più agrodolce, anche un cucchiaino di zucchero di canna.
Trasferite in padella con le carote anche tutta la frutta secca, precedentemente ammollata, e fate saltare il tutto per qualche minuto.
Preparate una nuova pentola per la seconda cottura del riso: sceglietene una dal fondo spesso – meglio ancora se doppio – e ungetela con un filo d’olio.
Trasferite nella pentola unta uno strato di riso e uno strato di verdure, alternando finché finiscono. Coprite la pentola con il suo coperchio e fate cuocere il riso a fuoco medio per 15 minuti.
A questo punto, aprite la pentola e versatevi un bicchiere acqua calda, nel quale avrete precedentemente fatto sciogliere lo zafferano, insieme a due cucchiai d’olio; coprite subito la pentola con uno strofinaccio e poi chiudetela con il coperchio, ripiegando lo strofinaccio sopra di esso.
Cuocete il riso a fuoco molto basso per 50 minuti, poi spegnete il fuoco e lasciate riposare per 10 minuti prima di aprire il coperchio.
A parte, intanto, tostate le mandorle e i pistacchi fino a dorarli.
Trasferite delicatamente il riso dalla pentola al piatto di portata, lasciando da parte lo strato croccante sul fondo della pentola, il tahdig, la parte migliore, che conserverete per l’ospite più gradito.
Decorate il riso con le mandorle e i pistacchi, poi servite, aggiungendo un cucchiaio di tahdig per ciascun commensale.

Non dimenticate di finire il pasto con una bella tazza di caffè arabo!
Il caffè arabo, la kahwa, si prepara tritando dei semini di cardamomo – che avrete già utilizzato per questa ricetta – insieme alla polvere di caffè già tostata.
Preparate un cucchiaino di polvere per ogni commensale, poi riempite un pentolino d’acqua, contando una tazza per persona più una mezza tazza che evaporerà durante la preparazione; portate l’acqua ad ebollizione e versate la miscela: quando il caffè bolle, toglietelo dal fuoco, mescolatelo e riportatelo poi ad ebollizione, ripetendo l’operazione due o tre volte.
Spento il fuoco, versate il caffè nei bicchieri e – mi raccomando – aspettate che la polvere si posi sul fondo prima di bere!

Post più commentati

22 Commenti per Riso persiano ingioiellato

  • nanocucina

    che bello, io sono in fissa con le ricette persiane in questo periodo! in realtà da quando, tre anni fa, sono stata in Iran e mi si è aperto un mondo culinario :)

  • Sara

    E? una poesia..e mi ricorda tanti il libro “caffè Babilonia”, che ho amato tantissimo :)Come la cucina persiana!
    Bacione
    Sara

  • breakfast at lizzy's

    Ogni volta che passo da voi è come fare un viaggio in mondi nuovi!
    Grazie mille per ogni viaggio che ci regalate :)
    Bacio!

  • Anna

    Magnifico!

  • Nuts about food

    Una delle mie più care amiche è una ragazza persiana ebrea e quando la vado a trovare (purtroppo vive negli States) mi prepara sempre il riso con l’adorata crosticina. Deliziosa!

  • lacucinadellacapra

    spettacolare! mi piace tantissimo questo riso, e le crosticine le adoro in qualsiasi loro forma!

  • Roberta

    che meraviglia!

  • elena-sweetlife

    Questo riso è davvero invitante e goloso!
    Grazie anche per aver ricordato i passaggi per il caffè arabo!

  • Terry

    Mi hai fatto proprio voglia, il racconot, le spezie, la frutta secca… Da provare di sicuro!!!

  • ESTER

    OTTIMO IL RISO CROCCANTE CHE SI USAVA FARE IL SABATO

  • Maria Rosaria D?Alessandro

    Troppo preziose le vostre ricette..salutari e buone.Grazie per tutta la ricchezza di cultura che trasmettete attraverso esse. <3

  • Tina

    Questa ricetta mi stuzzica moltissimo, un po come tutte le vostre ricette a dir il vero… Ma leggo bene che bisogna lasciar “cuocete il riso a fuoco molto basso per 50 minuti”? Grazie per la risposta e bravi :-)

  • Jasmine

    Ciao Tina, a il fuoco è molto basso più o meno i minuti sono quelli: si deve formare lentamente una crosta, ci vuole pazienza.
    Se però non ti senti tranquilla ovviamente puoi controllare a metà cottura, girando delicatamente il riso da un “lato” con una spatola :)

  • Trashnat

    Ma perchè nelle foto si vede apparire un tajin?!…è quella la pentola da usare?!…

  • Jasmine

    @Trashnat no, in realtà lo usiamo solo per le foto e per tenere caldo il cibo, anche perchè è un tajine piccolissimo, da meno di due porzioni! :)

  • Federica

    E’ buonissimo, e il tahdig spettacolare. Grazie, qua trovo sempre ottime ricette, facili da seguire e di risultato sicuro :)

  • Reza

    La ricetta non c’entra nulla con le donne ebre, è una ricetta persiana e basta.

  • Jasmine

    Ciao Reza, nella nostra comunità, a Milano, ci sono tantissime donne ebree persiane e per loro questa è una tipica specialità che si prepara per le feste ebraiche e per lo Shabbat :)

  • Tina

    Per favore mi potete aiutare. Vorrei la ricetta del pollo con riso e una bacca rossa piccola che in Uran chiamano zeresh? Grazie

  • Jasmine

    Ciao Tina, dunque, lo zeresh in Italia è praticamente introvabile (si chiamerebbe bacca di crespino), mentre si trova abbastanza facilmente in UK, dove si chiama barberry (qui la voce su Wiki: https://en.wikipedia.org/wiki/Berberis_vulgaris).
    Se cerchi online su Google “zereshk polow” trovi diverse ricette: io non ne ho una da consigliarti, ma me lo segno tra le cose da speriementare prossimamente. Tra l’altro, ho diverse amiche originarie della Persia, quindi spero di trovare una ricetta “di famiglia”.

  • Anna Langella

    Il riso non mi è venuto integro come nella foto. Che siano esagerati 50 minuti? ?

Lascia un commento!

«

»