Halva

This post is also available in English

Una delle ricette di cui sono da anni in debito con gli amici di Labna, richiesta da tantissimi lettori smaniosi di concedersi un bocconcino mediorientale da un milione di calorie, è quella della halva.

Halva (o halwa) fatta in casa
La halva è un dolce a base di sesamo e miele o zucchero, prodotto e apprezzato in moltissimi paesi del Mediterraneo, il cui nome deriva dalla radice araba helw, che significa dolce.

Halva (o halwa) fatta in casa
Fare la halva in casa non è affatto facile, ragione per cui ho molto tardato a pubblicare una ricetta: come tutte le preparazioni in cui si deve lavorare con lo zucchero fuso, l’errore è in agguato praticamente dietro ogni angolo. Dopo molti tentativi però credo di aver trovato un procedimento che funziona, quindi… pronti, partenza e via!

Halva (o halwa) fatta in casa
La ricetta viene, con piccole variazioni, dal libro “Zahav” di Michael Solomonov, che vi consiglio tantissimissimo: vi dico solo che ho portato con me per il primo pezzo del mio trasloco in Israele solo 5 libri di cucina, e Zahav è uno di quelli!

Halva
Tipo di portata: Dessert
Cucina: Ebraica
Tempo di preparazione: 
Tempo totale: 
Porzioni: 24 pezzetti
 
Ingredienti
  • 550 g di zucchero bianco
  • semini di 1 baccello di vaniglia
  • 300 ml di tahina, ben mescolata
  • 115 g di acqua
  • 1 pizzico di sale ​
Procedimento
  1. Foderate una teglia quadrata 20x20 cm di carta da forno.
  2. In una pentola antiaderente mescolate lo zucchero e i semini del baccello di vaniglia con 115 g di acqua. Accendete il fornello a fiamma media e fate sciogliere lo zucchero nell'acqua senza mescolare, fino ad ottenere uno sciroppo: usate un termometro per dolci e verificate che il liquido arrivi a 115°.
  3. Mentre lo sciroppo cuoce, mettete la tahina e il sale nella ciotola della planetaria (nel mio caso il Kitchen Aid) e montate l'accessorio a foglia.
  4. Fate partire la planetaria e appena lo sciroppo è alla temperatura giusta unitelo a filo alla tahina.
  5. Mescolate per 45 secondi/1 minutino finchè il composto non comincia a staccarsi dai bordi della ciotola: la halva dovrebbe apparire elastica ma non sabbiosa.
  6. Con una spatola di silicone trasferite rapidamente la halva nella teglia e appiattitela bene per ottenere una base liscia e uniforme. Per ottenere una superficie perfetta coprite la halva con un foglio di carta da forno e lavoratela con un piccolo mattarello.
  7. Fate raffreddare la halva nella teglia, poi quando è a temperatura ambiente, tagliatela a cubetti.
  8. Conservate la halva ben avvolta in pellicola per alimenti per massimo una settimana.

 

Halva (o halwa) fatta in casa

5 commenti

  • Paola Varano

    Buongiorno vorrei domandare due cose se possibile la prima mi piacerebbe sapere se questo libro ha una versione italiana o francese e la seconda domanda é sapere se si può sostituire lo zucchero bianco con il miele. Grazie per l’eventuale risposta ed ovviamente complimenti siete unici !!!
    Paola

  • Jasmine

    Ciao Paola! Il libro che io sappia non è ancora uscito in italiano nè in francese :(
    Per quanto riguarda la halva col miele, io non ho mai provato, ma ce ne sono diverse versioni se cerchi su Google honey halva. In bocca al lupo!

  • Diletta

    Buonissima la Halva,me l’hanno regalata dei miei amici tunisini,è una bomba di bontà,
    quella che mi hanno portato è bicolore.
    Una parte color nocciola e l’altra verde.

  • Francesca

    Mangiata in Israele, c’era di tanti tipi, ed esposte sembravano forme di formaggio. Buonissima!

  • Rifka Ben Gurion

    Assomiglia la pasta di mandorla – credo che Halva Pasta di Mandorla e Torrone sono tutti della stessa radice..

Lascia un commento!