Jerusalem bagel

In questi giorni – precisamente da poco prima di Kippur – sono in Israele, un posto in cui ogni singolo baracchino di street food un po’ zozzo, ogni panetteria, ogni caffè è per me una fonte di ispirazione, estetica e/o gastronomica.
Mi fa bene venire qui, perchè il mio entusiasmo per la cucina quando sono qui si rinnova sempre, a volte assaporando una nuova combinazione di ingredienti e spezie, a volte riscoprendo una ricetta tradizionale che avevo dimenticato di raccontarvi su Labna.

Jerusalem bagels

La ricetta di oggi è una di quelle che proprio non potevano mancare su queste pagine, un classico della cucina israeliana che si incontra per le strade di Gerusalemme quasi più spesso dei rabbini dalle lunghe barbe vestiti di nero: parliamo del jerusalem bagel.

Il Jerusalem bagel, affezionatamente soprannominato “baygaleh”, non ha nessuna somiglianza con i bagel tradizionali eccetto il buco in mezzo all’impasto: il Jerusalem bagel è infatti molto più leggero (perchè non viene bollito), con una crosticina croccante e una mollica soffice e ben aerata e un sapore appena dolce e tostato.

Jerusalem bagels

Non si sa molto delle origini del Jerusalem bagel, ma in molti sostengono – credo non a torto – che il nostro baygaleh sia diventato molto noto in Israele dopo la guerra dei Sei Giorni nel ’67, quando gli israeliani riguadagnarono l’accesso alla Città Vecchia e ai luoghi sacri, dove gli arabi vendevano un pane non dissimile al Jerusalem bagel attuale, chiamato kaak.

Comunque sia andata, oggigiorno nella Città Vecchia di Gerusalemme ci si imbatte sempre in qualche venditore di strada che offre queste speciali ciambelle col sesamo, solitamente insieme a un piccolo cartoccio di zaatar in cui pucciare il pane, meglio se ancora tiepido: se doveste trovarvi in Israele non potete perdervele!
Se però non avete in programma nessuna vacanza qui in Terra Santa, potete comunque assaporare deliziosi Jerusalem bagel fatti in casa: sono buoni come quelli che si comprano a Gerusalemme e potete organizzarvi per mangiarli appena sfornati, che è la cosa migliore da fare in assoluto! Poche cose sono squisite come un jerusalem bagel appena sfornato, pucciato nell’olio di oliva e poi intinto nello zaatar!

Io ho usato l’ottima ricetta del sito From the Grapevine, ridotta per ottenere solo due bagel: è la quantità perfetta per uno spuntino pomeridiano o una cena in coppia, e permette di non avere avanzi di pane secco da far fuori.

Jerusalem bagel
Tipo di portata: Pane
Cucina: Ebraica
Tempo di preparazione: 
Tempo di cottura: 
Tempo totale: 
Porzioni: 2 bagel
 
Ingredienti
  • 170 g di farina 00
  • 1 cucchiaino scarso di lievito di birra essiccato
  • 80 g di latte (o acqua se volete la versione parve, ma col latte sono più buoni)
  • 40 g di acqua
  • 1 cucchiaio di zucchero
  • 16 g di olio
  • sale
  • 1 uovo per spennellare
  • semi di sesamo per decorare
Procedimento
  1. In una ciotola capiente o nel Kitchen Aid, mescolate acqua, latte e lievito.
  2. Unite la farina, lo zucchero, l'olio e una presa di sale e lavorate bene (a mano o col gancio dell'impastatrice) per una decina di minuti per ottenere un impasto elastico, liscio e uniforme.
  3. Fate lievitare l'impasto in un luogo tiepido, coperto da un canovaccio, fino al raddoppio, circa 30 minuti.
  4. Preriscaldate il forno a 180° e predisponete una teglia ricoperta di carta da forno.
  5. Formate due palline di impasto e scavate un buco al centro con il dito indice, dunque aprite pian piano le palline a formare due ciambelle lunghe e sottili, come nella foto.
  6. Considerate che le ciambelle lieviteranno ancora una volta e si gonfieranno un pochino anche in cottura, quindi regolatevi sullo spessore che volete ottenere: ciabelle più cicciotte significa bagels più morbidi, mentre ciambelle più sottili daranno bagels più croccantini.
  7. Disponete le ciambelle sulla carta da forno, spennellatele con l'uovo sbattuto, dunque spolverate con abbondante sesamo e lasciate lievitare ancora mezz'oretta. Per una crosticina dolce-salata, spolverate i bagel con appena una presa di zucchero e sale. E' importante che spennelliate le ciambelle prima della seconda lievitazione, perchè una volta lievitate saranno delicatissime.
  8. Quando il forno è a temperatura e la lievitazione è ultimata, infornate i bagel per 12-15 minuti finchè sono ben dorati.
  9. Sfornate i bagel e serviteli il prima possibile, accompagnati con olio e zaatar.

 

Jerusalem bagels

Post più commentati

2 Commenti per Jerusalem bagel

  • Gloria

    questi bagel mi sembrano più’ semplici di quelli della ricetta americana. Provero’ a farli

  • Roberta

    Sono appena tornata da Israele e ho mangiato questo pane buonissimo!! A Gerusalemme ho mangiato anche un pane semidolce fatto sempre ad anello era giallo e con i datteri,conosce la ricetta? Grazie mille intanto provo a fare questo

Lascia un commento!

«

»