Challah – Pane del Sabato

La challah è il tipico pane dello shabbat, cioè il venerdì sera, che è un momento della settimana molto speciale per gli ebrei.
All’inizio di shabbat, subito dopo il tramonto del sole, gli ebrei recitano una preghiera, il kiddush, in cui si rende grazie a Dio di aver creato il mondo e di essersi riposato nel settimo giorno; durante il kiddush si benedicono il vino e il pane, la challah appunto.

La challah è un pane molto simile al pain brioche, ma è un po’ meno dolce e più compatto.

[ricetta updatata al 06/07/2012 con le indicazioni della signora Garelik, che fa indubitabilmente la migliore challah che io abbia mai provato]

Challah
Tipo di portata: Pane
Cucina: Ebraica
Tempo di preparazione: 
Tempo di cottura: 
Tempo totale: 
Porzioni: 15
 
Ingredienti
  • 4 bicchieri di acqua tiepida
  • 2 cubetti di lievito fresco o 20 g di lievito disidratato in grani o 2 bustine di lievito secco in polvere per pane
  • 1 bicchiere di olio di semi leggero
  • 1 bicchiere di zucchero
  • 2 uova
  • 2 cucchiai di sale
  • 2 kg di farina
  • 2 tuorli d'uovo per spennellare il pane
  • semi di sesamo o semi di papavero per decorare il pane
Procedimento
  1. Sciogliete in una ciotola capiente il lievito con l'acqua tiepida (non bollente!), poi fate riposare un paio di minuti per riattivare il lievito, specie se usate quello secco in granelli.
  2. Aggiungete nella ciotola lo zucchero, l'olio, il sale e le uova, dunque amalgamate il tutto; aggiungete poi anche la farina, ma lentamente, due bicchieri per volta, perchè non è detto che vorremo usarla tutta: ne useremo circa 2 kg, ma magari anche un po' meno, a seconda delle condizioni climatiche e di molti altri fattori imprevedibili.
  3. Quando l'impasto diventa compatto e non si attacca più alle mani lavoratelo bene su un piano infarinato per una decina di minuti, poi trasferitelo in una ciotola leggermente unta e fatelo lievitare per almeno un'ora (volendo anche due) coperto da un panno umido, finchè non raddoppia.
  4. Una volta che l'impasto è ben lievitato fate le forme (e se fate l'hafrashat - dico alle lettrici ebree! - ricordatevi di prelevare la parte di impasto necessaria!): la treccia semplice di tre rotoli, come quella dei capelli, è facilmente realizzabile e di sicuro effetto, e con questo impasto se ne ottengono 8.
  5. Disponete le trecce di impasto su teglie ricoperte di carta da forno e fate lievitare il tutto ancora mezz'ora.
  6. A lievitazione ultimata, spennellate le challot con 2 tuorli diluiti in un po' d'acqua e cospargetele di semi di sesamo o papavero, poi infornatele nel forno già caldo a 200°.
  7. Fate cuocere le challot a 200° per una decina di minuti, poi abbassate la temperatura a 180° e fate cuocere per ancora una ventina di minuti.
  8. Il tempo di cottura dipende dal forno (circa 25/30 minuti, di solito), ma si nota subito se la challah è cotta: acquista in superficie un bel colore, tra il marrone e il dorato, sprigionando un profumino che richiamerebbe anche la più sbadata delle cuoche...

 

Tradizionalmente, la challah si copre durante il kiddush e la benedizione con un panno finemente ricamato; quando la benedizione finisce, il capofamiglia spezza una delle challot in piccole parti, vi sparge sopra un po’ di sale e ne offre ai commensali. Tuttavia, la challah è un pane adatto a ogni occasione, sia ai pasti che per colazione e merenda.

P.S. Diffidate di chi mette in questa ricetta il burro invece dell’olio, o peggio il latte o lo yogurt! Nessun ebreo lo farebbe mai, perchè è vietato mescolare i derivati del latte con la carne e di Shabbat qualsiasi famiglia ebraica mangia senz’altro la carne!

Post più commentati

65 Commenti per Challah – Pane del Sabato

  • Rossella

    E’ proprio vero questo pane è speciale.
    L’ho provato a fare anch’io, trovando la ricetta in un libro. Ora devo impararlo a farlo con i 6 rotoli.

  • vane

    Troppo poco sale! Ma sicuramente ottimo! Si possono dimezzare le dosi per ottenere un pane solo?

  • Jasmine

    Il sale sulla challà è una cosa molto discutibile. La challà non è salata, è neutra, in teoria.
    Ovviamente puoi dimezzare le dosi: 1 kg di farina due challot belle grandi, 1/2 kg di farina due challot piccole o una grande :)

  • Ciottolina

    Sembra ottimooooooooooo!!!Ora lo provo e poi vi faccio sapere ;0)
    grazie x la ricetta!

  • Jasmine

    Per me questa ricetta è a prova di bomba: sarei proprio felice se ci facessi sapere del risultato! :)

  • Zia Elle

    Io la faccio sempre senza uova e con molto meno zucchero (1/2 cucchiaio per 1/2 kg di farina). Squisita, viene molto più leggera e un meno dolciastra.
    Fidatevi, la faccio praticamente tutte le settimane ;)

  • annalisa

    è veramente buono…complimenti!!!

  • Giusy

    Ciao Jasmine! Ho scoperto Labna da poco e lo adoro! Siete davvero bravissimi. Complimenti! Ieri ho preparato questo pane ed è stato un successone. Il mio però si è cotto nel giro di 15 minuti (forno elettrico e temperatura a 200°!). Il risultato è stato comunque eccezionale. Grazie mille!

  • antonella

    grazie a CUCINOTECA ho scoperto questo blog,magari mi iscrivo per vedere realizzare dal vivo questa bontà…complimenti

  • Valeria

    Ciao! Io ho appena seguito questa ricetta però l’impasto odora tantissimo di lievito… Va bene oppure è possibile che io abbia sbagliato qualcosa? Altre due domande: è possibile che ora in estate l’acqua vada messa a temperatura ambiente, senza riscaldarla? come diventa l’impasto se l’acqua è troppo calda?

    Grazie mille dell’aiuto e della ricetta!

    Shabbat shalom!

  • Jasmine

    Ciao Valeria,
    per il lievito non preoccuparti.
    Quanto all’acqua, l’importante è che non sia bollente perchè l’acqua bollente uccide il lievito, nè gelata perchè se no fai più fatica a sciogliere il lievito. Qualsiasi altra temperatura in mezzo andrà bene!
    Shabbat shalom a te!

  • regina

    ora ci voglio provare il mio unico dubbio è che 2kg di farina sia poco l’olio.
    il forno deve essere ventilato?

  • Jasmine

    @Regina ti ho scritto una mail! ad ogni modo, confermo olio nella quantità indicata, giuro solennemente! Forno, invece, statico!

  • theo

    Ciao, Ho fatto questa ricetta… mi pareva che il pane non cresceva, e nell’altro giorno il challah era duro!… penso che 2 kg di farina sono tante!
    c’è un modo di fare una “mezza” ricetta?!

  • Jasmine

    Ciao Theo, per dimezzare la ricetta puoi semplicemente dividere le dosi indicate, direi :)
    Per quanto riguarda il fatto che il pane non crescesse, l’unica cosa che ti posso consigliare è di controllare la scadenza del lievito, e di assicurarti di non usare acqua troppo calda che potrebbe danneggiarlo.
    In generale, è una ricetta provata e riprovata centinaia di volte, che riesce sempre bene :)

  • theo

    Ciao Jasmine,

    Grazie, ora ne preparo un’altro… sarò più attento ora… ti faccio sapere il risultato…

    Shabbat Shalom!

  • theo

    Ciao Jasmine,

    Mamma mia!!! è venuto perfetto!!! Grosso, morbido e bellissimo!!!

    Grazie ancora e um ottimo Shabbat!!!

  • Eli

    Ho visto nel web che vengono usate diverse farine, tu cosa consigli?

  • Jasmine

    @Eli va benissimo una banalissima farina 00, se usi manitoba puoi probabilmente diminuire un po’ le quantità :)

  • irene

    Ciao a tutti! Ma è vero che la preparazione rituale dello Challah prevede la separazione di una parte di impasto per fare il pane?

  • Jasmine

    Ciao Irene, ti spiego come funziona la benedizione sul pane.
    In realtà facciamo due “gesti simbolici” nel fare la challah.
    1. Nel momento dell’impasto del pane la donna che lo ha preparato ne stacca una piccola parte, grande come un pugno, che si brucia o si butta via in ricordo delle offerte di cereali che si portavano ai sacerdoti nel Tempio, nei tempi antichi
    2. Nel momento della cena, il capo famiglia spezza il pane e ne dà un pezzo a ogni commensale, recitando una preghiera in cui si rende grazie a Dio per il pane.
    Ho chiarito i tuoi dubbi?

  • Mikhal

    Mmmm! Buona la ricetta della Mora’ Garelik!! E’ sicuramente la migliore, voglio provarla per questo shabat! Quant’e’ un cubetto di lievito in italia? Qui in Israele e’ 50g, ma in italia me li ricordo piu’ piccoli….

  • Jasmine

    Ciao Mikhal! In Italia sono 30 g, ma non buttare via il lievito che avanza, aggiungilo pure, quei 20 g non fanno differenza :)

  • giulia pignatelli

    Davvero una bella ricetta, spero di provarla

  • Roberta

    Questa ricetta è perfetta! Ne ho provate altre ma questa è la prima che mi soddisfa al 100% Morbida e soprattutto elastica, che secondo me deve essere la caratteristica della mollica della challa :) Alcuni usano la manitoba, tu che ne pensi?

  • Chiara

    Ciao! Stasera devo fare un paio di challot medie. Ho capito la riduzione della farina a1/2 kg, ma come faccio con tutti gli altri ingredienti? Aiutooooo!
    Grazie mille

  • Jasmine

    Per mezzo kg di farina dividi tutti gli altri ingredienti… per 4 :) Per le uova, sbattile in un bicchiere e dividi il liquido ottenuto :)

  • Mariella

    Cara Jasmine,
    il vostro sito è interessante e delizioso…ho appena terminato di impastare la challah con la ricetta che hai pubblicato….Sono anni che non riesco a mangiarne una “speciale”. Ti farò sapere..intanto io e la mia piccola Sara, la mia bimba di tre anni ci stiamo divertendo un mondo a provare le vostre preziose ricette.
    Grazie e Shabbat Shalom

  • Mariella

    Risultato ottimo…grazie ancora per il vostro sito e le vostre ricette.

  • Sharon

    Dopo tanti tentativi ho appena sfornato delle fantastiche challot. Grazie mi è tornata la voglia di farle ogni shabat.

  • Ylenia

    Negli ingredienti ce’ scritto prima 1 cucchiaio di zucchero e poi un bicchiere di zucchero..quanto zucchero in totale devo mettere??

  • Jasmine

    Ciao Ylenia, un bicchiere + un cucchiaio, precisamente come c’è scritto :) Se leggi il procedimento si capisce.

  • Laura

    Ciao Jasmine, ho trovato il tuo blog per puro caso, cercando una ricetta per Rosh Hashanah!
    La ricetta di challah mi ha veramente commossa! La migliore che abbia mai fatta! Era da anni che non ne mangiavo una così buona!
    Thanks a lot!
    Shabbat Shalom!
    Laura

  • Elsa

    Cara Jasmine io sono capace a fare la challah e mi viene buona, tuttavia ho un problemino:faccio l ‘íntreccio bene e poi, una volta cotta non si vede quasi piu’ .
    grazie Elsa

  • vera

    ciao labna, prima di tutto complimenti per il sito. poi volevo chiederti un parere su due problemi che mi capitano a volte: io faccio il pane challah con una ricetta “aggiustata” sulle abitudini della mia famiglia, ovvero per un kg di farina metto solo un uovo e metto il malto di riso o il miele al posto dello zucchero. problema 1: a volte il pane prende un sapore amarissimo, quasi non si riesce a mangiarlo (nonostante io abbia usato i soliti ingredienti, solita marca, solita lavorazione…..). un altro problema molto spiacevole e’ che – a prescindere dalla densita’ dell’impasto, nel momento in cui lo intreccio e poi lo metto in forno si “liquefa’”, ovvero diventa tutto molle, basso, le trecce non si distinguono piu’ (capirai che fallimento per un challah!!) e anche se il sapore e’ buono e’ brutto a vedersi. ti e’ mai capitato? cosa pensi che potrei fare, secondo la tua esperienza? grazie e shabbat shalom da vera

  • Renato

    Ciao! Grazie per tutte le notizie e ricette! Mi date un consiglio su come fare uno Challah senza glutine. Grazie e in bocca al lupo per tutto!

  • Maria

    Bisogna per forza utilizzare olio di semi? Potrei utilizzare l’olio extravergine d’oliva?
    Vi seguo già da diverso tempo, amo le vostre ricette e grazie in anticipo!

  • Jasmine

    @Maria Puoi usare anche un olio d’oliva leggero, si sente però molto di più il sapore! Un abbraccio

  • Maria

    @Jasmine grazie mille! Shabbat shalom

  • Maria

    La ricetta è venuta benissimo, grazie! Questo pane è davvero speciale. :)

  • Yosef

    Ciao, e se uno volesse usare il fornetto versialia? mettendo due divisori si avrebbero cmq due panetti, avrebbero però una forma semicircolare… sarebbe cmq kasher?!

  • Jasmine

    Ciao Yosef, io non vedo nessun problema in generale sulla forma purchè i pani siano due.
    Io non ho mai provato a cuocere questo impasto in un fornetto versialia, ma se hai esperienza con pani simili cotti in questo tipo di oggetto e sei tranquillo, non vedo controindicazioni.

  • Federica

    Ciao Jasmine avevo già sentito parlare di questo buon pane e dall aspetto invitante ma ahimè non ho fatto in tempo ad assaggiarlo prima di scoprire di essere celiaca…
    Siccome sono testarda o come diciamo a roma capocciona,….
    voglio provare a farlo con le mie farine prive di glutine,…..
    Spero tanto che mi riesca!
    Ti faccio sapere al piu presto
    Ciao ciao

  • Diana

    Ciao Jasmine, è possibile fare il pane challah con lievito madre? se sì, come variano le quantità degli ingredienti?
    Grazie!

  • Daniela

    ciao! ricetta provata e risultato fantastico!!
    come lo conservo però? posso anche congelarlo immagino…
    un caro saluto

  • Jasmine

    Ciao Daniela, ti confermo che puoi congelare la challah quando si sarà raffreddata (non appena sfornata, per intenderci) avvolta nella stagnola.
    Io la tiro fuori al mattino per mangiarla la sera o vice versa :)

  • marco

    ciao Benedetta, mi servirebbe una info veloce, io ho partecipato a Milano al corso dove spiegavate come fare il pane del sabato ed altre ricette ebraiche.
    mi sembra di aver “sentito” che rispondevi ad una domanda dove si potesse comprare il pane del sabato e se non sbaglio parlavi di una panetteria in via Washington… ? giusto? se si mi indichi x cortesia il nr. civico o il nome … grazie , complimenti tutto molto “bello”, bravi!! marco

  • Jasmine

    @Marco puoi comprare la challah pronta da Tuv Taam, in via Soderini 27: è tra via Washington e zona Bande Nere.
    Ma noi ti incoraggiamo a farlo in casa, ovviamente: è facile!

  • stefy

    jasmine cara!! appena sfornate stupende e gigantesche grazie shabbat shalom. stefy

  • Jasmine

    @Stefy sono proprio contenta! :)

  • miranda

    Ciao sono miranda mi avvicino in punta di piedi a due maestri spero di imparare a cucinare qualche meravigliosa vostra ricetta! Poi vi farò sapere. Voglio iniziare con la challa

  • Stefania

    Ho provato venerdì a fare questa ricetta ed è venuta fantastica.
    Un’elasticità incredibile mentre realizzavo gli intrecci, nella seconda lievitazione sono cresciute tantissimo e una volta cotte avevano un sapore e una morbidezza pazzesche. Ora ho affettato l’avanzo e ce la mangiamo a colazione.
    Ho fatto mezza dose e sono venute fuori 4 challot!
    Con il tuo permesso vorrei aggiungerla nel mio blog, ovviamente citando la fonte :)

  • Jasmine

    @Stefania sono felicissima che la challah ti sia piaciuta e naturalmente contenta se vorrai condividerla :)

  • Angelica

    cara Jasmine,
    Ti seguo da un po’ con molto interesse ma oggi, adesso, mentre seguo con ansia il tg in diretta da Parigi, ti scrivo per dirti che sto facendo la challah e sto pregando, anche se non sono di religione ebraica. Il momento lo richiede, mi sembra l’unica cosa che io possa fare in questo momento di angoscia e dolore per il mondo intero. Vi abbraccio tutti. Pace

  • Jasmine

    @Angelica cara Angelica, non so come ringraziarti del commento che hai lasciato venerdì, che mi ha davvero commosso moltissimo.
    Spero che la tua challah sia venuta buona, anzi, ne sono sicura: quando lo si prepara con amore, il cibo riesce sempre bene.
    Un abbraccio e a presto

  • Daniel

    Preparo Challot ogni settimana a Verona per me e amici in nostra comunità. Tanti hanno cercato una ricetta in italiana, e la tua e ultimo. Personalmente consiglio usare meta farina manitoba e meta farina 0 per un migliore levitazione e consistenza del pane finito.

    Tempo premettendo preferisco fare 3 levitazione, 2 volte nel ciotola, e un terzo levitazione dopo che i challot sono formato.

    Per persone interessato in un libro (in inglese) sul Challah consiglio “The Secret of Challah” Sira Wiener & Ayelet Yifrach (Reshit Publications).

    Un cordiale shalom,

    Daniel Block

  • Annalisa Neviani

    Il mio “pane del Sabato” non è ovviamente kosher perché, come tutti i goym, mescolo impudentemente i tegami. Tuttavia gli ingredienti sono quelli giusti e mentre la preparo penso a tutte le infinite madri ebree che dopo la Shoa’ non sono più tra noi. Che D-o possa consolare il suo popolo.

  • Anna

    Buona sera Jasmine ,ho fatto anch’io la tua challah, che dire buonissima, se ti va di vederla nella mia versione, ti aspetto, http://laversionedianna.blogspot.it/2015/12/challah.html, grazie ancora per come condividi le prelibatezze della tua cultura

  • Shirli

    Complimenti per il sito è davvero interessante!!

  • Stefania

    Ciao Jasmine. Ho provato varie volte a fare la challah, senza riuscirci. ( ovviamente in cucina sono una frana ). Ma testardamente ho riprovato con la tua ricetta, devo ringraziarti, sono venute uno spettacolo! Grazie anche perché le ho fatte oggi che serviva una preghiera particolare per un ragazzo. Sono orgogliosa di averci riprovato. Presto la proverò anche dolce se metterai la ricetta. Grazie e shabat shalom

  • Vale

    Ciao! La prima volta che ho fatto lo challah era per richiesta della maestra della mia sorellina di sei anni e con questa ricetta mi è uscito spettacolare… ora però vorrei portarlo all’orale di maturità in cui bisogna portare una pietanza a scelta (faccio enogastronomia ), però ho deciso di voler usare la farina Manitoba … ho letto che cambiano i tempi di lievitazione e le quantità. .. un piccolo aiutino da un’esperta??

  • Tiziana

    Non sono ebrea ma lo è la mamma di mio marito (russo).Ho sempre amato tutto ciò che è ebraico e letto moltissimi libri di autori ebrei in cui spesso si parlava di challah. Oggi ho trovato questa ricetta è lo subito provata anche se non è Sabbath perché pensavo non riuscisse al primo colpo….ed invece è uno spettacolo e buonissimo! Shalom

  • sura

    carissima Jasmine
    hai qualche consiglio su come conservare l’impasto se lo faccio giovedi sera? metto in frigorifero? il venerdi, in inverno, non tornerei a casa in tempo per farla prima di Shabbat!

Lascia un commento!

«

»